Vai ai contenuti

Unione dei Comuni del Coros

Sei qui: HOME » Servizi » Servizio associato di Protezione Civile

Servizio associato di Protezione Civile

In data 27.05.2013 il Consiglio dell’Unione dei Comuni del COROS ha adottato il Piano di Protezione Civile Intercomunale.

Protezione Civile

Tale importante strumento pianificatorio rappresenta l’atto conclusivo del percorso intrapreso nell’anno 2009 quando, con apposita convenzione, è stato istituito il Servizio di Protezione Civile Intercomunale, attraverso il quale i Comuni dell'Unione prendono in considerazione i rischi potenziali per la popolazione, le infrastrutture ed il territorio, stabilendo l’organizzazione delle risorse (persone, mezzi e materiali) e le modalità per svolgere le attività di Protezione Civile, sia in tempo “di pace” (cioè in situazione di normalità), che in emergenza.

Il progetto è caratterizzato da alcune importanti novità rispetto al panorama dei Piani Intercomunali approvati: innanzitutto non si parla di un “collage” di Piani Comunali ma di un unico Piano Intercomunale organico, la cui organizzazione è calata sulla realtà della situazione degli undici Comuni dell’Unione, per la maggior parte di piccole dimensioni, a cui sarebbe impossibile realizzare una Struttura di Protezione Civile autonoma.  In quest'ottica si è quindi lasciato all'Ufficio Associato il compito della gestione della attività tecnico-organizzative  in tempo di pace, incluso il servizio unico di reperibilità, quello di centro situazioni e quello relativo all'aggiornamento del Piano, mentre in emergenza si è demandata alla struttura dell'Unione la gestione e l'organizzazione di un'unico Centro Operativo Intercomunale COI) con le relative figure di supporto a servizio dei Sindaci che restano comunque,  ai sensi della legge 225/92 e della legge 100/2012,  responsabili della Gestione dell'Emergenza nel proprio territorio.

I contenuti del Piano di Protezione Civile (consultabili al seguente link: https://www.dropbox.com/sh/nmr5kt959d8l67y/AADhqtVCgGU_cLH8HZ0wXMdma?dl=0 ) sono per loro natura dinamici, per cui è da subito apparso evidente che in parallelo a una struttura di Piano tradizionale, fosse necessario aggiornare costantemente il flusso delle relazioni presenti nelle banche dati, sia sul versante della componente territoriale dell'informazione che su quello dei dati relativi alle risorse - materiali, umane ed organizzative – coinvolte, al fine di garantire così, la validità del Piano nel tempo e di poter disporre di un'informazione sempre.

Pertanto, il Piano è stato progettato come un vero e proprio Sistema Informativo Territoriale (SIT) a supporto del processo di Protezione Civile; il cuore del sistema, in rispondenza delle direttive europee in materia , è l'Infrastruttura Dati Territoriali (IDT) attorno alla quale, vista la complessità degli argomenti e delle applicazioni, è stato  necessario creare  un’interfaccia unica di acceso  costruendo un portale Geografico: il “GeoPortale della Protezione Civile”. Tramite la sua interfaccia web, accessibile direttamente da questo sito istituzionale dell'Unione Coros, il “GeoPortale della Protezione Civile” sarà in grado di fornire informazioni e servizi diretti alla popolazione o ad altri fornitori di servizi, oltre a rendere disponibili alcune applicazioni gratuite (attivabili anche da smartphone) che consentiranno ai cittadini ed agli operatori della Protezione Civile, di collaborare con le Amministrazioni Locali nella costruzione delle banche dati di supporto alla Pianificazione d'Emergenza attraverso un servizio “on-line”.

Questo innovativo servizio di condivisione delle informazioni, consentirà agli utenti di censire, georeferenziare e inviare le segnalazioni delle situazioni di pericolo integrando e aggiornando dinamicamente, anche attraverso foto e filmati, le informazione su edifici strategici vulnerabili, risorse e strutture operative, servizi essenziali, che verranno successivamente filtrate e verificate da un processo di validazione del dato gestito direttamente dall'Unione del Coros.

Tale procedura consentirà di integrare via-via nuovi rischi o nuovi scenari all'interno del Piano di Protezione Civile Intercomunale, in modo da renderlo sempre più completo e rispondente alle esigenze del Territorio del Coros, coinvolgendo oltre alle Amministrazioni Associate, tutti gli attori del Sistema di Protezione Civile, a partire dal Volontariato e dalle Compagnie Barracellari fino ai cittadini tutti.

Con Deliberazione del Consiglio dell'Unione n. 3 del 9 Marzo 2009, l'Unione Coros ha istituito un proprio Gruppo Intercomunale dei Volontari di Protezione Civile e approvato il relativo Regolamento che regola l’organizzazione di una struttura intercomunale permanente e volontaria di Protezione Civile in grado di far fronte alle attività ed ai compiti di Protezione Civile così come definiti dall’art. 3 della Legge 225/92.

Il Gruppo Intercomunale dei Volontari di Protezione Civile del Coros è costituito presso la Sede dell’Unione dei Comuni del Coros, e possono aderire cittadini di ambo i sessi che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età, domiciliati nel territorio dell’Unione del Coros.

Ispirandosi ai principi della solidarietà umana e nell’intento di agire in favore di tutta la collettività, il Gruppo, che non ha fini di lucro, si prefigge lo scopo di svolgere le diverse attività nell’ambito della protezione civile, di previsione, prevenzione e soccorso in occasione di calamità naturali, catastrofi o altri eventi similari, nonché di formazione ed informazione nella suddetta materia.

Inoltre, in ambito locale e di Unione, il Gruppo è impegnato a costruire e attivare collaborazioni con le associazioni locali, tese allo sviluppo di sinergie e protocolli comuni di intervento negli ambiti di emergenza territoriale, per meglio utilizzare le risorse umane ed i mezzi disponibili con lo spirito di solidarietà che anima questo servizio.

All'interno della funzione di protezione civile delegata all'Unione Coros, il Gruppo Intercomunale dei Volontari di Protezione Civile, si propone dunque i seguenti obiettivi:

a)      tutelare l’integrità della vita umana, dei beni, degli insediamenti e dell’ambiente dai rischi derivanti dagli eventi calamitosi di origine naturale e antropica (alluvioni, dissesti idrogeologici, incendi boschivi e di interfaccia, ecc...);

b)      attuare ogni opportuna misura di previsione e di prevenzione dei rischi naturali e di origine antropica;

c)      attivare gli interventi di soccorso in caso di calamità secondo apposita pianificazione delle emergenze attese;

d)      attuare gli interventi per favorire la ripresa delle normali condizioni di vita nelle aree colpite da calamità;

e)      promuovere campagne informative rivolte alla popolazione e sopratutto ai complessi scolastici al fine di informare le persone sui rischi del territorio, sul livello di vulnerabilità delle strutture nelle quali ognuno svolge la propria vita quotidiana e sui comportamenti da adottare durante le emergenze;

f)       favorire lo sviluppo di specifiche forme di volontariato a supporto del servizio stesso.

Il gruppo intercomunale di protezione civile svolge e promuove, avvalendosi prevalentemente delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti, attività di previsione, prevenzione e soccorso in vista o in occasione di eventi di cui all’articolo 2, comma 1 della legge 24 febbraio 1992, n. 225, nonché attività di formazione e addestramento nella stessa materia e di informazione alla cittadinanza.

A tutela del valore etico e morale dell’iniziativa gli aderenti si impegnano a partecipare alle attività di Protezione Civile, con lealtà, senso di responsabilità, totale gratuità e spirito di collaborazione.

Il Gruppo Intercomunale dell'Unione Coros ha sede legale e attualmente opera presso i locali dell'Unione dei Comuni del Coros, Via Marconi n.14 - Ossi.

 

 
Torna su