Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies

Comitato Unico di Garanzia in forma assiociata (C.U.G.)

Il Comitato Unico di Garanzia per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni,  si occupa del complesso di compiti e attività previste dal Decreto legislativo 31 marzo 2001, n. 165, dal Decreto legislativo 11 aprile 2006, n. 198 (Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell’articolo 6 della legge 28 novembre 2005, n. 246) e dalla direttiva, adottata di concerto dal Dipartimento delle Funzione Pubblica e dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri approvata il 4 marzo 2011. È un organismo collegiale che ha il compito di garantire il rispetto e l'applicazione dei principi di pari opportunità nei rapporti di lavoro all'interno dell'Ente e il contrasto al fenomeno del mobbing. È stato istituito in forma associata su delega di tutti i comuni aderenti all’Unione con deliberazione dell’Assemblea dei Sindaci n. 06 del 04.04.2013 e n. 23 del 31.10.2019.

Il C.U.G. ha assunto tutte le funzioni che le leggi e i contratti collettivi attribuivano ai Comitati per le Pari Opportunità e ai Comitati Paritetici sul fenomeno del Mobbing ed in particolare deve: assicurare parità e pari opportunità di genere, rafforzando la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici; garantire l'assenza di qualunque forma di violenza morale o psicologica e di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all'età, all'orientamento sessuale, alla razza, all'origine etnica, alla disabilità, alla religione e alla lingua; favorire l'ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, migliorando l'efficienza delle prestazioni lavorative, anche attraverso la realizzazione di un ambiente di lavoro caratterizzato dal contrasto di qualsiasi forma di discriminazione.

Il C.U.G. dell’Unione dei comuni è in fase di ricostituzione a seguito di decadenza dei precedenti componenti che saranno nominati, acquisite le designazioni da parte degli organismi competenti, con determina del dirigente.

Ultimo aggiornamento

06/03/2020