Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l’utilizzo dei cookie.

Preferenzecookies

Trasporto sociale

trasporto sociale

Dal 1 marzo 2020 l’Unione dei comuni ha disposto l’attivazione di un percorso sperimentale finalizzato all’utilizzo, ai fini sociali, culturali educativi, sportivi e scolastici, degli automezzi acquisiti a titolo gratuito dall’Unione di comuni nell’ambito del Programma di sviluppo rurale per la Sardegna 2007/2013 - ASSE 3 “Qualità della vita nelle zone rurali e diversificazione dell'economia rurale” - MISURA 321 “Servizi essenziali per l'economia e la popolazione rurale” - AZIONE 3 “Servizi ambientali” - AZIONE 6 “Avviamento di servizi comunali e/o intercomunali di trasporto locale”.

Si tratta precisamente di n. 2 automezzi Peugeot – Boxer MH2 Tetto alto COMBI, da adibire a servizi di trasporto collettivo della popolazione rurale, in particolare dei giovani in età scolare e degli anziani.

Il progetto è stato attivato a seguito di una istruttoria pubblica di co-progettazione, in collaborazione con ASSOCIAZIONE AVIS COMUNALE di URI e si propone di:

- abbattere le spese sostenute da anziani e disabili offrendo un’alternativa di trasporto sociale nei casi in cui l’utente non sia in grado di usufruire di trasporto privato nell’ambito della rete familiare;

- facilitare la comunicazione tra i Comuni dell’Ambito per agevolare i rapporti sociali e parentali contrastando l’esclusione sociale della popolazione dei Comuni rurali;

Il maggior risultato atteso quindi è l’aumento della fruizione dei servizi sociali, sanitari e di socializzazione prioritariamente da parte di persone diversamente abili, degli anziani e di altri soggetti svantaggiati e l’avvio di processi volti all’autonomia e alla vita indipendente e di consolidare e potenziare il sistema di accesso ai servizi e alle reti aggregative all’interno e all’esterno del territorio dell’Unione e assicurando i diversi servizi e le funzioni proprie di tale sistema.

Il progetto prevede, nelle aree di riferimento (Sociale, Sanitario, Culturale e Scolastico e Sportivo) tre categorie di destinatari specifici:

1)            i minori frequentanti le scuole del territorio per le attività extrascolastiche e parascolastiche previste anche durante i “Centri Estivi” attivate dai servizi comunali.

2)  disabili servizio di trasporto per consentire ai disabili stessi la frequenza alle attività di cui al punto precedente e/o terapeutica (corsi di nuoto, terapie specialistiche e riabilitative di logopedia e c/o Centri abilitati per soggetti autistici, etc...) e ad iniziative a carattere ludico-ricreative, sempre su attivazione del servizio comunale.

3)            anziani per volgimento di attività ludico-ricreative e di socializzazione, a tutti gli over 65 e per spostamenti “socio-sanitari” sempre su attivazione del servizio comunale.

L’obiettivo prioritario da perseguire è una maggiore integrazione con i Servizi sociali, Sanitari, Culturali e Scolastici per una risposta efficace ai bisogni delle persona singole o associate, nella loro globalità.  Il co-progetto è pertanto destinato prioritariamente, ma non esclusivamente, a persone in condizione, anche temporanea, di fragilità o persone con disabilità psicofisica. Tali problemi si sostanziano nella difficoltà/impossibilità ad utilizzare la rete familiare di supporto e/o i mezzi pubblici a disposizione e pertanto la necessità di ricorrere ad altri soggetti.

È escluso il c.d. trasporto sanitario erogato dai servizi del 118 diretto o convenzionato.

L’attivazione del servizio avviene in due modi:

1) tramite la valutazione dei singoli comuni aderenti all’Unione, ai quali occorre rivolgersi per la richiesta, utilizzando la modulistica apposita (scaricabile modulistica comuni). I comuni si faranno carico del rimborso delle spese all’associazione partner del progetto.

2) tramite richiesta individuale direttamente al partner di progetto AVIS di Uri utilizzando la modulistica apposita (scaricabile modulistica privati) Il richiedente si farà carico del rimborso delle spese all’associazione partner del progetto.

Per informazioni: telefono fisso 079/419777, numero mobile dedicato 3420593533

e-mail: trasportosociale@unionecoros.it

Ultimo aggiornamento

28/02/2020